Sociale

&100 - sociale

Tornare alla tradizione puntando all'innovazione

L’uomo è un animale sociale, il termine qualifica le relazioni tra individui della stessa specie, che si concentrano nei comportamenti, ossia nell’insieme di azioni codificate con cui i membri della specie svolgono le principali funzioni del ciclo vitale, quale la riproduzione e il nutrimento rientrano in questa categoria. I rituali d’accoppiamento, le cure parentali e il territorialismo. Questa è la definizione che possiamo trovare nella Treccani. Noi proprio da questo siamo partiti, nello specifico proprio dalla parola territorialismo.

Quanto la persona si sente attiva sul proprio territorio? Ancora di più, quanto nel proprio quartiere? Dal nostro studio non abbastanza, basta pensare che tante volte non conosciamo neanche il nostro vicino di casa, di negozio, il nostro collega e così via. Dopo però veniamo a conoscenza che con si sa per quale mistero l’abbiamo tra gli amici di Facebook o su altri canali digitali. La tecnologia è inarrestabile, è il presente e il futuro che accompagnerà nel cambiamento, che mai che mai fino ad oggi è stato così veloce, ma nessuno nello stesso tempo vuole fermarlo, serve solo l’osservazione fisica delle persone, così veloci, frenetiche, così piene di informazioni. A volte bisognerebbe fermarsi e riprendere fiato, conoscersi, aprirsi agli altri, guardarsi negli occhi, osservare senza giudicare il comportamento degli altri, serve tutto questo, siamo persone, no robot, serve a tutti noi tornare ad essere esseri umani.

Il ruolo dell'edicola

L’edicola un tempo per tradizione era considerata quasi la chiesa del villaggio, un punto di aggregazione indiscusso. Un giornalista disse “l’edicola è il breviario laico di ogni persona e con questa definizione il viaggio nell’edicola era la lettura del breviario.

Il nostro obiettivo

L’edicola un tempo  dimostrava interesse, dalla conoscenza, dallo sviluppo fino all’aggregazione. Riusciamo a riportare tutto questo ai giorni nostri?
Certo che ci riusciremo.
Ma per riuscire in questo serve l’aiuto di tutti, l’obbiettivo è quello di far tornare l’edicola ad essere un punto di aggregazione per il quartiere, se ci pensiamo bene l’edicola è l’unico punto che ai giorni d’oggi può riunire ogni fascia di età dal bambino fino ad arrivare alle persone più anziane. C’è bisogno d’impegno, di coinvolgimento, bisogna suscitare interesse su un’attività che ha ancora tantissimo da dare, a tutti noi esseri umani.

Sociale e social

&100 vuole unire queste due parole in una sola: condivisione. Quanto è bello condividere le proprie esperienze, le proprie opinioni, i propri pensieri le proprie idee. Dove le possiamo condividere? Per questo nasce il tavolo delle idee un progetto che unisce fisicamente le persone che possono incontrarsi e scrivere tutto quello che insieme si può realizzare, aiutati anche dalla dalla condivisione sui canali socia. Il web in questo caso i canali digitali, social, aiutano ad essere più veloci nel condividere il bello di ciò che tutti noi stiamo realizzando. Il nostro valore aggiunto è incontrare e far incontrare più persone possibili. Dobbiamo guardarci negli occhi stringere la mano, sentire l’odore nel nostro interlocutore, vedere i suoi movimenti lenti, veloci o velocissimi. Andare a prendere un semplice caffè o magari farcelo portare proprio in edicola rimanendo seduti al nostro tavolo delle idee